“Call for ideas”: come contrastare il fenomeno NEET

Posted by
/ /

NEET è l’acronimo inglese di “Not (engaged) in Education, Employment or Training”, ed è una parola che indica i ragazzi che né studiano né lavorano.
In Italia, il termine è utilizzato per riferirsi alla fascia d’età compresa tra i 15 e i 24 anni. I più recenti dati a disposizione evidenziano – in Italia – il coinvolgimento, nella situazione “neet”, di una percentuale di poco inferiore al 30% dei giovani. Il tema “neet” è sempre più oggetto di attenzione da parte d’istituzioni e media, sia nazionali che europei.

Cresce l’attenzione ma cresce, anche, la sensazione della pericolosità nell’usare questa terminologia, in quanto è sempre più chiaro che tale termine è un contenitore di situazioni diversissime una dall’altra e, conseguentemente, si corre il rischio di etichettare in senso negativo la situazione di molti giovani. D’altro canto il fenomeno “neet” è non solo poco conosciuto nelle sue cause, sviluppi ed esiti, ma sono ancor meno conosciuti gli interventi che vengono messi in atto da attori pubblici e privati sul tema “neet”. Interventi diversissimi che puntano a conoscere, prevenire ed affrontare la questione dei “neet”, questione che comunque la si spieghi costituisce un danno economico, sociale ed umano per il nostro Paese.

Per questo WeWorld, insieme a LA GRANDE CASA ScS ONLUS e alla rivista “Animazione Sociale”, con il patrocinio del CNCA(Coordinamento nazionale comunità di accoglienza) e dell’ANCI (Associazione nazionale dei comuni italiani) promuove un’iniziativa di studio e ricerca per conoscere, prevenire e contrastare gli esiti negativi del fenomeno “neet” con appropriate strategie e iniziative a livelli diversi (nazionale, regionale e locale).

L’intenzione dei promotori – attraverso un complesso e articolato progetto di ricerca e studio intorno alla tematica dei giovani in situazione “neet” – è di sistematizzare le conoscenze esistenti sull’argomento, integrandole con informazioni inerenti aspetti conoscitivi ancora carenti e individuare orientamenti strategici che saranno poi condivisi con i policy maker.

L’intenzione è, entrando maggiormente in dettaglio, di comprendere i percorsi e i fattori determinanti e concorrenti nel processo di costruzione della condizione di neet con particolare attenzione alla valutazione e alla correlazione tra percorsi scolastici critici (dalla pluri-bocciatura alla dispersione) e percorsi di ingresso nella condizione di neet.

L’indagine sul fenomeno neet permetterà di conoscere meglio gli esiti del processo di disaffezione, abbandono della scuola, che comincia a manifestarsi già alla scuola Primaria per palesarsi a quella Superiore e mostrare poi i suoi esiti negativi dopo i 18 anni.

Leggi qui la presentazione del bando

Scarica qui l’application form

LA SCADENZA PER ISCRIVERSI AL BANDO E’ PROROGATA FINO AL 28 FEBBRAIO 2015